IL GAIGO

ottovolante acco

Il Gaigo è un meteofenomeno tutto ligure e che da alla nostra terra uno di quei sapori di unicità. Di cosa si tratta?

Immaginate una di quelle abbastanza frequenti giornate ventose e fredde tipiche soprattutto dei mesi freddi dell’anno e anche talvolta delle stagioni di transizione.

Sicuramente molti hanno notato che in questo contesto i nostri monti sono coperti da un candido cappuccio di nuvole che sembrano correre sui monti stessi per poi svanire a quota più bassa.

Questo è il Gaigo, che rende spesso ancora più suggestive le terse giornate d’inverno sferzate dalla tramontana. La sua formazione è un bellissimo esempio della interazione della nostra atmosfera con l’orografia.

In particolari condizioni infatti (generalmente con un anticiclone sul Centro-Nord Europa e una depressione nel cuore del Mediterraneo) l’aria fredda scende dalle pianure mitteleuropee e attraverso “la porta della Bora” (ovvero la zona di Trieste) si infila in Pianura Padana caricandosi di umidità sul Mare Adriatico; se il flusso è sufficientemente intenso arriva in Emilia e addirittura sino al Basso Piemonte; da qui la presenza di una bassa pressione a Sud risucchia l’aria fredda verso il Tirreno e questa si getta verso meridione dai valichi più bassi presenti in Liguria (soprattutto il Cadibona e i Giovi); nel risalire i crinali dell’entroterra l’aria si raffredda ancora più e condensa formando nebbie estese e addirittura locali pioviggini che possono coinvolgere zone vaste anche decine di chilometri arrivando sino a Fossano, Asti e Voghera, dopodiché l’aria gettandosi giù dai crinali è molto secca e acquista velocità (le tipiche raffiche della tramontana) e quindi ecco che sui Monti si vedono ancora le nuvole che rapidamente spariscono quando l’aria inizia la discesa e si secca.

E’ interessante notare che questo fenomeno è anche imparentato con la tramontana scura (in contesti meteo però differenti) ed è l’opposto della famosa maccaja di cui parleremo prossimamente. Nella foto il fenomeno si vede molto bene in tutta la sua suggestiva bellezza.

Daniel Rossi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *